Procuratori vicini agli arresti per i casi LIBOR.   Leave a comment

Fonte: Reuters

(Reuters) -I procuratori statunitensi ed europei sono vicini ad arrestare singoli operatori con l’accusa di cospirazione per manipolare i tassi di interesse di riferimento a livello mondiale, in base alle persone che hanno familiarità con l’indagine sullo scandalo della fissazione del tasso LIBOR.

I procuratori federali a Washington, DC, hanno recentemente contattato gli avvocati che rappresentano alcuni degli individui sospetti per notificargli l’avvio dell’azione penale e gli arresti potrebbero essere imminenti, ha detto una delle fonti che ha chiesto di non essere nominata, perché l’indagine è tuttora in corso.

Gli avvocati della difesa, alcuni dei quali rappresentano individui sospetti, hanno detto che i pubblici ministeri hanno informato che prevedono di cominciare a fare arresti e ad archiviare accuse penali nelle prossime settimane. In indagini finanziarie di lunga durata non è raro per i procuratori di contattare gli avvocati della difesa prima di depositare le accuse per offrire loro la possibilità di collaborare o trovare un accordo, così ha detto l’avvocato.

La prospettiva delle accuse e gli arresti di individui significano che i pubblici ministeri stanno ottenendo un quadro più completo di come i trader di grandi banche avrebbero cercato di influenzare il London Interbank Offered Rate, o Libor, e altri tassi globali che sono alla base di centinaia di migliaia di miliardi di dollari in asset. Le accuse sarebbero venute insieme a sforzi di regolamentazione per punire le grandi banche con multe, e potrebbero dimostrare che la presunta attività non era dilagante nelle banche.

“Le accuse personali di natura penale non hanno alcun impatto sui movimenti normativi contro le banche”, ha detto una fonte europea vicina al dossier. “Ma le banche sperano che almeno le autorità di regolamentazione possano vedere che lo scandalo è dovuto principalmente al cattivo comportamento individuale o di una banda di trader.”

In Europa, i regolatori finanziari si stanno concentrando su un anello di commercianti di diverse banche europee che avrebbero cercato di manipolare i tassi di interesse di riferimento Libor, quali, ha detto la fonte europea che ha familiarità con le indagini in Europa.

La fonte, che non ha voluto essere identificata, perché l’indagine è in corso, ha detto che i regolatori stanno controllando tramite le e-mail tra un gruppo di commercianti e credono di essere ormai vicini a mettere insieme un quadro di come presumibilmente possano aver per fare soldi attraverso la manipolazione dei tassi di interesse. I tassi sono fissati giornalmente sulla base di una media delle stime fornite da un panel di banche.

“Più di una manciata di operatori, in diverse banche sono coinvolte”, ha detto la fonte che ha familiarità con le indagini dei regolatori europei.

Ci sono anche investigazioni in Europa in materia di Euribor, il tasso di offerta interbancaria dell’Euro.

Non è chiaro su cosa gli individui e le banche procuratori federali siano più concentrati. Un importante avvocato del dipartimento di Giustizia statunitense che sovrintendere l’indagine non ha risposto a una richiesta di commento.

Reuters in precedenza ha riferito che più di una dozzina di attuali ed ex dipendenti di alcune grandi banche sono sotto indagine, tra cui Barclays Plc, UBS e Citigroup, e hanno assunto avvocati della difesa nel corso dell’anno passato come un gran giurì federale di Washington, DC, continua a raccogliere prove.

L’attività nell’inchiesta sul Libor, che è andata avanti per tre anni, ha accelerato dal momento che Barclays ha concordato il mese scorso per pagare $ 453 milioni di multe e sanzioni per risolvere, con i procuratori, le accuse che alcuni dei suoi collaboratori abbiano cercato di manipolare i tassi di interesse dal 2005 al 2009.

Barclays, che ha firmato un accordo di non-azione penale con i procuratori degli Stati Uniti, è la prima banca principale di raggiungere un accordo nel corso dell’inchiesta, che sta inoltre esaminando le attività dei dipendenti di HSBC, Deutsche Bank e altre grandi banche.

La negoziazione di Barclays ha provocato indignazione e una serie di audizioni pubbliche in Gran Bretagna, dopo di che l’amministratire delegato di Barclays Bob Diamond ha annunciato le sue dimissioni dalla grande banca britannica.

Le rivelazioni hanno sollevato dubbi circa l’integrità del Libor, che viene utilizzato come punto di riferimento per fissare i prezzi per i prestiti, i mutui e i contratti derivati.

Aggiunta alle preoccupazioni sono documenti rilasciati dalla New York Federal Reserve Bank di questo mese che i supervisori negli Stati Uniti e in Inghilterra avevano una certa conoscenza che i banchieri hanno presentato delle quote ingannevoli del Libor durante la crisi finanziaria del 2008 per far sembrare le loro istituzioni finanziarie più forti di quello che realmente erano.

Tra gli altri dettagli, i documenti della Federal Reserve inclusa la trascrizione di una chiamata telefonica in aprile 2008 tra un commerciante Barclays a New York e l’ufficiale della Fed Fabiola Ravazzolo, in cui il trader non identificato ha detto: “Allora, sappiamo che non stiamo mandando, un LIBOR onesto. “

La fonte che ha familiarità con le indagini di regolamentazione in Europa ha dichiarato che due trader sono stati sospesi da Deutsche Bank, erano tra quelli oggetto di indagine. Un portavoce di Deutsche Bank non ha voluto commentare.

Il Financial Times ha riferito Mercoledì che i supervisori che noi stiamo osservando sospettano la comunicazione tra i quattro operatori che avevano lavorato a Barclays, Credit Agricole, HSBC e Deutsche Bank.

Al di là di sanzioni normative e delle accuse penali, le banche affrontano un crescente numero di cause civili da città, imprese e istituzioni finanziarie che sostengono di essere stati danneggiati dalla manipolazione del tasso. Morgan Stanley ha recentemente stimato che le 11 banche globali legate allo scandalo Libor potrebbero fronteggare 14 miliardi di dollari di spese di liquidazione normativa e legale fino al 2014.

Negli Stati Uniti, l’indagine normativo è guidato dalla Commodity Futures Trading Commission, che ha fatto delle indagini sul Libor una delle sue priorità.

(Segnalato da Matthew Goldstein e Jennifer Ablan a New York e Philipp Halstrick a Francoforte, con il contributo di Emily Flitter a New York e Aruna Viswanatha in Washington, DC; Montaggio di Alwyn Scott e Maureen Bavdek)

Trato da: lo specchio del pensiero

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: