I maggiori economisti dicono: L’Islanda ha fatto la cosa giusta e tutti gli altri hanno sbagliato!   Leave a comment

Il premio Nobel per l’economia Joe Stiglitz ha fatto notare:

Ciò ha fatto l’Islanda è stato giusto. Sarebbe stato sbagliato appesantire le generazioni future con gli errori del sistema finanziario.

Il premio Nobel Paul Krugman scrive:

Ciò che [la ripresa dell’Islanda] ha dimostrato è stato qualcosa … da lasciare i creditori delle banche private a mangiarsi le perdite.

Krugman dice anche:

Una cosa divertente è accaduta sulla strada per l’Armageddon economico: la pesante disperazione dell’Islanda ha reso impossibile il comportamento convenzionale, rendendo la nazione libera di infrangere le regole. Quando tutti gli altri si davano da fare per salvare i banchieri lasciando il pubblico a pagare il prezzo, l’Islanda ha lasciato le banche fallire e ha di fatto ampliato la propria rete di sicurezza sociale. Quando tutti gli altri erano fissati nel tentativo di placare gli investitori internazionali, l’Islanda ha imposto controlli temporanei sui movimenti di capitali per darsi spazio di manovra.

Krugman ha ragione. Lasciare che le banche falliscono – invece di continuare il loro salvataggio – è la strada giusta da percorrere.

Abbiamo notato in precedenza:

L’Islanda ha detto alle banche di pesare la sabbia. E l’economia islandese sta facendo molto meglio di quasi tutti i paesi che hanno lasciato alle banche il potere di dirigere i giochi.

Bloomberg riferisce:

Islanda può dare alcune lezioni fondamentali per le nazioni che cercano di sopravvivere dopo i salvataggi. L’approccio dell’isola al suo salvataggio ha portato a una ripresa “sorprendentemente” forte, ha detto il capo della missione del Fondo monetario internazionale nel paese.

L’impegno dell’Islanda nel suo programma, la decisione di spingere alla perdita gli obbligazionisti invece dei contribuenti e la salvaguardia di un sistema di welfare che ha tenuto lontano i disoccupati dalla miseria ha contribuito a spingere la nazione dal collasso verso la guarigione, secondo il fondo con sede a Washington.

***

L’Islanda ha rifiutato di tutelare i creditori delle sue banche, che sono fallite nel 2008, dopo essere state gonfie di debiti fino a 10 volte la dimensione della loro economia.

Punto di vista del FMI circa gli obbligazionisti è molto importante: il rifiuto di imporre una lavata di capo agli obbligazionisti sta condannando gli Stati Uniti e l’Europa alla depressione economica.

Il FMI nota:

La decisione di non rendere i contribuenti responsabili per le perdite delle banche è stata giusta, dicono gli economisti.

In altre parole, come l’ha messa il FMI:

La chiave per la ripresa dell’Islanda è stata un programma che ha cercato di garantire che la ristrutturazione delle banche non richiedesse ai contribuenti islandesi di assumersi eccessive perdite.

Icenews sottolinea:

Gli esperti continuano a lodare il successo di recupero dell’Islanda dopo i salvataggi bancari del paese del 2008.

A differenza degli Stati Uniti e diversi paesi della zona euro, l’Islanda ha lasciato fallire il suo sistema bancario nella fase di recessione economica mondiale e ha posto l’onere sui creditori del settore piuttosto che sui contribuenti.

***

La ripresa continua a sorprendere i funzionari, tra cui il capo del Fondo monetario internazionale Christine Lagarde, che ha recentemente fatto riferimento alla ripresa islandese come “impressionante”. E gli esperti continuano a ribadire che i funzionari europei dovrebbero guardare all’Islanda le per lezioni in materia di misure di austerità e per questioni simili.

Barry Ritholtz detto l’anno scorso:

Invece del salvataggio delle banche – l’Islanda non avrebbe potuto farlo, anche se l’avesse voluto – ha garantito i depositi (il modo in cui il nostro fa FDIC), e hanno che il normale processo capitalistico di fallimento facesse il suo corso.

Ora stanno molto molto meglio rispetto a paesi come gli Stati Uniti e l’Irlanda che non hanno fatto lo stesso.

Bloomberg ha sottolineato nel febbraio 2011:

A differenza di altre nazioni, compresi gli Stati Uniti e l’Irlanda, che hanno iniettato miliardi di dollari di capitale nelle loro istituzioni finanziarie per tenerli a galla, Islanda ha posto i suoi maggiori finanziatori in amministrazione controllata. Ha scelto di non tutelare i creditori delle banche del paese, il cui patrimonio era esploso a 209 miliardi di dollari, 11 volte il prodotto interno lordo.

***

“L’Islanda ha fatto la cosa giusta … i creditori, non i contribuenti, devono portare sulle spalle le perdite delle banche”, ha detto il premio Nobel Joseph Stiglitz, professore di economia alla Columbia University di New York. “D’altra parte, l’Irlanda ha fatto tutte le cose sbagliate. Questo è probabilmente il peggior modello. “

Irlanda garantito tutte le passività delle sue banche quando erano finite nei guai ed ha iniettato capitale per 46 miliardi di euro fino ad ora per sostenerle. Ciò ha portato il paese sull’orlo della rovina, costringendolo ad accettare un pacchetto di salvataggio da parte dell’Unione europea nel mese di dicembre.

***

I paesi con sistemi bancari più grandi possono seguire l’esempio dell’Islanda, dice Adriaan van der Knaap, managing director di UBS AG.

“Non avrebbe sconvolto il sistema finanziario”, dice Van der Knaap, che ha consigliato banca dell’Islanda comitati risoluzione.

***

Arni Pall Arnason, 44, il ministro islandese degli affari economici spiega: la decisione di rendere responsabili i titolari del debito ha salvato il futuro del paese.

“Se avessimo garantito tutte le passività delle banche, saremmo nella stessa situazione, dell’Irlanda”, afferma Arnason, il cui Social Democratic Alliance è stato un partner di coalizione nel governo Haarde.

***

“All’inizio, le banche e altri istituti finanziari in Europa, ci dicevano: “Non vi presteremo mai più niente’”, ha detto Einarsdottir. “Poi è stato 10 anni, poi 5. Ora dicono che potrebbe presto essere pronti a concederci di nuovo prestiti. “

E il procuratore islandese per i colletti bianchi ha giocato un ruolo importante nel suo recupero:

[Gli Stati Uniti e l’Europa hanno ostacolato le indagini sulle frodi dei colletti bianchi … hanno lasciato i procuratori da soli.] D’altra parte, l’Islanda ha perseguito i capi truffatori bancari e il loro ex primo ministro e la loro economia si sta riprendendo bene … perché la fiducia è in fase di recupero nel sistema finanziario.

Link all’articolo originale http://www.zerohedge.com

Tratto da: Lucas2012infos

versione italiana: Lo specchio del pensiero

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: