Archivio per 12 settembre 2012

Jesus attraverso John Smallman – 7 Settembre 2012.   Leave a comment

La forza dell’amore e del perdono è assolutamente miracolosa.

Coloro che sono senza amore stanno, in verità, gridando per Esso. La loro fede nella stessa fonte divina creativa di tutta l’esistenza è molto debole, si sentono soli, persi, minacciati e insicuri. Come risultato, essi cercano di costruire le difese forti con cui devastare quelli che temono. Ma hanno paura che quelli che temono diventino sempre più grandi e più minacciosi, e sviluppino il potere di distruggerli. Così cercano di costruire delle difese ancora più forti.

E’ veramente una situazione Comma 22 [link ndt]. Non fateci affidamento, perché vi distrae dal vostro compito spirituale di portatore della Luce in modo che tutti la vedano così che possano essere nuovamente assicurati sul fatto che tutto è divinamente curato. La luce di Dio risplende su tutti indiscriminatamente, ma purtroppo molti si allontanano da essa nella paura, credendosi indegni dell’Amore che offre.

Scelgono di chiedere la prova scientifica dell’esistenza di Dio, di una intelligenza suprema, per giustificare la loro incredulità, sapendo che che, naturalmente, è e resterà indisponibile perché la scienza è cieca a qualcosa di diverso da quello che decide possa esistere. La vostra storia vi mostra in modo molto chiaro tutte le volte in cui la scienza si è dimostrata sbagliata. Purtroppo, la scienza rimane ostinata. A causa della paura dell’ignoto, che vuole spiegare le cose attraverso le proprie tesse premesse, sulla base di esperienze storiche che portano a ipotesi ingiustificate, che si rifiuta di mettere in discussione fino a quando poi sarà costretta a farlo da eventi inattesi e nuove scoperte.

Non essere in grado di dimostrare l’esistenza di Dio permette loro di soddisfare i loro timori che il mondo è un ambiente ostile e minaccioso, e per giustificare il comportarsi come se la vita che stanno vivendo è meglio se utilizzata esclusivamente per il proprio sviluppo personale – “colui che muore con la maggior parte dei giocattoli vince!” E agende così personale guidano la loro vita, causando situazioni di divisione che esplodono in loro con monotona regolarità.

Leggi il seguito di questo post »

Eckhart Tolle – L’ampio “spazio” in cui tutto accade.   Leave a comment

.

“Il momento presente è come è. Sempre. Potete lasciarlo essere? […]

Quando la vostra attenzione si muove verso l’Adesso, vi è uno stato di vigilanza. È come se vi foste risvegliati da un sogno, il sogno del pensiero, il sogno del passato e del futuro. Così chiaro, così semplice. Non vi è spazio per creare problemi. Solamente questo momento. Così come è.

Nel momento in cui entrate nell’Adesso con la vostra attenzione, vi rendete conto che la vita è sacra. Quando siete presenti vi è una sacralità in ogni cosa che percepite. Più vivete nell’Adesso, più sentite la semplice eppure profonda gioia dell’Essere e la sacralità di tutta la vita. […]

Quando fate un passo nell’Adesso, fate un passo fuori dal contenuto della vostra mente e l’incessante flusso del pensiero rallenta. I pensieri non assorbono più tutta la vostra attenzione, non vi assorbono totalmente. Fra i pensieri si intervallano la spaziosità e la quiete. Cominciate a rendervi conto di quanto più vasti e più profondi dei vostri pensieri voi siete. […]

Io non sono i miei pensieri, le mie emozioni, le percezioni dei miei sensi e le mie esperienze. Io non sono il contenuto della mia vita. Io sono la Vita. Io sono lo spazio nel quale tutte le cose avvengono. Io sono la consapevolezza. Io sono l’Adesso. Io Sono. […]

I ricercatori spirituali cercano l’auto-realizzazione o l’illuminazione nel futuro. Essere un ricercatore implica che avete bisogno del futuro. Se questo è quello che credete, diventa vero per voi: avrete bisogno di tempo fino a che comprenderete che non avete bisogno di tempo per essere chi siete. […]

Nel corso della vostra vita, potete essere consapevoli di voi stessi come consapevolezza nella quale si svolge l’intero contenuto della vostra vita?

Dite: «Io voglio conoscere me stesso». Voi siete quell’«Io». Voi siete la Conoscenza. Siete la coscienza attraverso la quale ogni cosa è conosciuta. E quella non può conoscere se stessa: è se stessa. […]

Quindi non potete diventare un oggetto per voi stessi. Quella è la vera ragione da cui sorge l’illusione dell’identità egoica – perché mentalmente fate di voi stessi un oggetto. «Questo sono io», dite. E quindi cominciate ad avere una relazione con voi stessi, e a raccontare agli altri ed a voi stessi la vostra storia.

Quando percepite senza interpretazioni, allora potete sentire che cosa è chi sta percependo. Quello che al massimo possiamo dire in parole, è che vi è un campo di vigile quiete in cui avviene la percezione”

da “Parole dalla Quiete” di Eckhart Tolle

Tratto da: http://www.astronavepegasus.it

Lo specchio del pensiero.

Osservazioni.   Leave a comment

Piccole osservazioni che magari sfuggono a chi non e’ attento o non e’ avvezzo a seguire le news alternative…

l’11 Settembre Benjamin Fulford ha riportato nel suo post settimanale (si veda QUI) che l’ex papa nero Peter Hans Kolvenbach e un esponente della P2 erano stati avvistati a Tripoli , in data odierna si e’ verificato un attentato in Libia a Bengasi , in cui e’ stato ucciso l’Ambasciatore USA e tre funzionari…. COINCIDENZA ?

r.

Keshe: aggiornamenti sul 6 Settembre scorso   Leave a comment

12 settembre 2012

Ecco quanto è emerso finora dai risultati dell’incontro del 6 settembre presso la Fondazione Keshe, nel quale sono state presentate alle rappresentanze tecnico-diplomatiche della varie nazioni del mondo le rivoluzionarie tecnologie al plasma di cui abbiamo parlato nei post precedenti, così come emerge da un comunicato dello stesso M. T. Keshe sul forum della Fondazione.

Direi che la frase sottolineata in rosso, che ci riguarda personalmente in quanto individui, fa ben sperare. Assolutamente curioso è poi il fatto che Africa e Sudamerica accedano all’attività spaziale e superino la NASA in un sol colpo. Pensare poi agli africani nello spazio mette indubbiamente di buon umore…

In ogni caso ringraziamo tutti i lettori del blog per aver scritto all’ambasciata, prima e dopo la presentazione, ed averci relazionato poi via mail le risposte (standard, copia e incolla) della nostra sede diplomatica.

Continueremo sempre più da vicino a diramare informazioni sul procedere della divulgazione.

La Disclosure.

Jervé – Iconicon

.

di Mehran Keshe

Cari visitatori del forum,

Nel mondo della diplomazia non ci sono rivelazioni sentimentali. Così non riveleremo cosa accaduto nel meeting del 06.09.2012.

Come risultato immediato della riunione e nel suo processo di sviluppo, confermiamo l’istituzione del programma spaziale africana (ASSP).

Questo significa che l’anno prossimo le Nazioni Africane faranno parte del programma spaziale, by-passando l’era di propulsione, tecnologia artificiale non necessaria che non ha spazio nel reale funzionamento del movimento nell’universo.

Gli accordi preliminari per questa organizzazione hanno avuto luogo e presto annunceremo la nazione che abbiamo scelto come centro di questa organizzazione.

Abbiamo proposto e capito che un nuovo accordo verrà stabilito per il programma aerospaziale SASSP nel Sud America.

Pertanto, se altre organizzazioni non creeranno impedimenti, i due continenti che nel passato non hanno avuto la possibilità di far parte del programma spaziale, ora potranno farlo, superando la NASA in tecnologia. Questo è ciò che possiamo riportare di questo incontro e degli accordi preliminari che ne sono conseguiti, fatti con le Nazioni in grado di ospitare la creazione iniziale di queste organizzazioni.

Leggi il seguito di questo post »

Aggiornamenti Kevin D. Annett – Vaticano.   Leave a comment

Aggiornamento e piano d’azione di Kevin D. Annett, ricercatore sul campo ITCCS

Dublino, Irlanda

Ultime News: i funzionari del Vaticano hanno una settimana per rispondere a dieci disposizioni emanate lo scorso maggio dai sopravvissuti degli atti di terrore da parte della chiesa, altrimenti affronteranno esilio permanente, occupazioni e convocazioni legali.

Ciao a tutti voi,

E ‘giusto che stia scrivendo questo da Dublino, dove è implicato il prelato superiore cattolico in quella terra, il cardinale Sean Brady, nel proteggere gli stupratori di bambini nella sua diocesi e potrebbe presto dimettersi, e dove il suo sostituto probabile, l’arcivescovo Dermot Martin, è stato costretto a incontrare membri ITCCS e attivisti ACCAW dopo l’occupazione della cattedrale principale di Dublino di recente e dove uno di loro, John Deegan, si è anche ammanettato all’altare della cattedrale durante una messa.

Questa azione diretta dai sopravvissuti degli eccidii ha preoccupato la chiesa, e l’assistente di Mons. Martin, il Rev. Damian O’Reilly, ha detto ieri che erano preoccupati per le occupazioni della chiesa e inoltre che esse li hanno costretti a sedersi e cercare di negoziare direttamente con i sopravvissuti, come John Deegan di ACCAW (un acronimo che significa Anti attivisti della Chiesa cattolica nel mondo, cui è collegata ITCCS).

In nessun’altra parte del mondo la gerarchia della chiesa ha realmente contrattato con gli avversari, la linea della chiesa generalmente è quella di obbligare i governi a proteggere le persone dal fallout dei loro crimini verso i bambini. Ma il fatto che questa tempesta stia eruttando nel cuore della nazione reputata “più cattolica” del mondo è un segno di quanto disperati i capi della chiesa siano ormai. Ma più al punto, dimostra che solo la distruzione diretta e la disobbedienza civile ottiene risultati quando si tratta della più antica società sulla terra.

Leggi il seguito di questo post »

Intervista a St. Germain su 11 settembre, arresti, ascensione, NESARA.   Leave a comment

Anche se non conosco l’attendibilità della fonte e raccomando di usare il proprio discernimento nel considerare quello articolo, consiglio vivamente a tutti di leggerlo perché fa capire molte cose sullo stato della situazione e su quello che dobbiamo aspettarci.

 

Lo specchio del pensiero.

 .

Messenger Beth Trutwin

Elizabeth Trutwin ha chiesto ad un amico di porre domande a St. Germain per quanto riguarda La svolta e l’ 11 settembre. Le seguenti domande sono state poste a St. Germain e queste sono le sue risposte:

1. Si dice che abbiamo tutti bisogno di cambiare personalmente la nostra visione delle cose allo scopo del cambiamento. Questo significa niente TV, niente mezzi di comunicazione, ecc, tutto ciò che può alterare il nostro parere / visione / esperienza sulla Terra e ci tengono nella paura. Una volta che sentiamo che abbiamo fatto il cambiamento, perché siamo in 3D, abbiamo bisogno degli altri per renderci conto di questo fatto e per apportare cambiamenti in noi stessi. Alla fine, abbiamo raggiunto un punto di svolta in cui abbastanza anime capiscono questo. E’ un punto di non ritorno poi quando arriviamo alla divulgazione e agli annunci? Se è così, qual è il punto di svolta di cui parla Ashtar (e altri) che abbiamo presumibilmente già raggiunto?

Il punto di svolta è stato raggiunto come ha detto Ashtar. Questo significa che ci sono una percentuale di anime che vivono sulla Terra in grado di comprendere la Verità e sostenere la Luce per tutti. Molte anime di recente si sono svegliate e guardano oltre la loro routine quotidiana per rispondere alle domande perenni che tutti noi abbiamo della vita riconoscendo che l’individuale influenza il tutto.

Cambiamento. Il cambiamento viene dall’attenzione persistente focalizzata su una vibrazione. Se c’è un terremoto, l’attenzione umana è lì. Se c’è una fucilazione di massa, l’umanità focalizza la sua attenzione lì. I media quindi tengono troppo l’energia della luce focalizzata, dove ritengono più opportuno, in particolare su episodi di paura.

Leggi il seguito di questo post »

Il Ministro delle Finanze giapponese è stato suicidato nella Giornata di Prevenzione del Suicidio.   Leave a comment

Un articolo come questo è semplicemente scandaloso quanto grottesco se viene letto dalla prospettiva di chi si rende conto che i mass media sono interamente manipolati dall’elite.

Con una semplice decodifica esso ci dice in linguaggio macchina: abbiamo tolto di mezzo noi questo signore, abbiamo fatto in modo che apparisse come un suicidio e te lo diciamo anche, inquadrandoti il fatto nella più vasta fenomenologia sociale del suicidio in Giappone.

Una delle tante forme a cui ricorre chi ha il controllo dei media, dai testi antichi ai profili di facebook, è quello di programmare la mente perché il suicidio diventi un “valore” poi una usanza economico-sociale, quindi una moda.

E così ad uno dei popoli più spirituali della terra viene fatto credere che il suicidio sia un fatto eroico ed affascinante.

Dopo il danno, sia reale che psy-op di Fukushima, anche la beffa di fatti come questo.

Quando George Bush Senior che, giovane pilota da caccia fu abbattuto nel ’44 dai giapponesi si recò per dovere di stato ai funerali ufficiali dell’imperatore Hirohito, si lasciò scappare a mezza bocca “in ogni caso un giapponese in meno”…

Chi proprio fosse convinto che il poveretto si è tolto la vita potrà leggere cosa dice Ben Fulford, che risiede in Giappone, in merito a questo fatto qui.

Jervé – Iconicon

.

TOKYO – Tadahiro Matsushita, il ministro dei Servizi Finanziari, è stato trovato morto oggi , durante la Giornata Mondiale Prevenzione Suicidio in quello che la polizia sta indagando come un suicidio. Egli si sarebbe impiccato in casa sua. Non sarebbe lui il primo ministro del governo giapponese a uccidersi e non sarà l’ultimo. E ‘stato riferito che egli era alle prese con le pressioni del suo lavoro.

Secondo Jiji News e altre fonti, il settimanale Shukan Shincho, si stava preparando a pubblicare una storia che coinvolge Matsushita e una vicenda che ha coinvolto una donna. Shukan Shincho editori non erano disponibili a commenti. L’ultima volta che un suicidio di un ministro è avvenuto è stato nel 2007, quando il ministro dell’Agricoltura Toshikatsu Matsuoka si è impiccato dopo le accuse di cattiva condotta fiscale.

Il primo ministro Yoshihiko Noda ha detto, secondo la Reuters , “Sono scioccato nel sentire la triste notizia. Mi ha sempre dato incoraggiamento quando le cose erano difficili.”

Leggi il seguito di questo post »