NATALE. Ma di chi ?   Leave a comment

child

Come se niente fosse, ieri masse di esseri umani hanno celebrato il Natale, ossia la nascita di…

beh, non certo del titolare ufficiale della ricorrenza, ossia Gesù Cristo.

E questo non perché lo dice il sottoscritto, ma perché lo scrive uno degli amministratori che si sono succeduti alla guida del più popolare culto religioso del mondo, ossia Joseph Ratzinger, il Papa emerito Benedetto XVI.

Lo scrive nel suo libro “l’Infanzia di Gesù” uscito prima del Natale 2012, come già scrivemmo mesi fa in questo post.

Ma la gente, telecomandata dalle ritualità della tradizione e ipnotizzata dalla cantilena mediatica, non ha sentito la triade di notizie che Ratzinger, dall’alto della sua posizione gerarchica, ha comunicato senza mezzi termini:

1 Gesù non è nato nell’anno zero (e di conseguenza il calendario gregoriano, base temporale delle nostre vite, è sbagliato).

2 Gesù non è nato il 25 dicembre, quella data appartiene ad una festività pagana precedente.

3 Gesù non è nato con quella coreografia: bue, asinello e tutto il presepe sono puro frutto di invenzione.

Quindi in poche parole il simpatico ex papa ci dice in faccia che abbiamo fatto i pirla per un buon paio di millenni montando e smontando presepi, pastori e candeline, e ce lo dice per la più sensata e giuridicamente tecnica delle ragioni: perché non si possa dire che “non ce l’avevate detto”.

Già perché la verità dei fatti ormai è emersa, almeno presso una nicchia di pubblico, e prima che essa dilaghi alla consapevolezza di massa, molto accortamente il clero, dall’alto della sua millenaria esperienza, la notifica alla gente con il mezzo più adatto: un libro firmato dal capo della chiesa.

Ma la massa, sordo-cieca a tutto quello che sta fuori dalle “cornici” entro le quali è abituata a recepire le informazioni sensibili, ha continuato imperterrita nell’onorare una tradizione ormai svuotata di senso, così come un edificio viene privato delle fondazioni.

Beh, che dire… de gustibus…

Intanto su queste pagine agli auguri dello stereotipo per lo meno preferiamo quelli di un altro simpaticone, Edward Snowden, che in occasione del Natale ci parla di cose serie, ossia della tutela della nostra privacy:

Beh, ma allora se è così come dice Snowden, direte voi “che possiamo fare per la nostra privacy?”

E io vi rispondo con le parole “geografiche” di un amico: “stay tuned !”

Restate sintonizzati su queste pagine e lo saprete presto.

Jervé – iconicon 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: