Matthew: Il Vangelo secondo Matteo.   Leave a comment

matthewMessaggio del 5 gennaio 2014

Traduzione di Magda Cermelli – lightworker.it

Con affettuosi saluti da tutte le anime in questa stazione, questo è Matthew. Con il solstizio di dicembre è arrivato un altro potente afflusso di luce, come per salutare l’anno che sta per finire ed accogliere il nuovo con un caloroso applauso. E, in realtà, quant’è meritato il saluto! Ogni volta che avete agito per ispirazione a livello d’anima – qualcosa che avete considerato solo un bel gesto o “la cosa giusta da fare” – avete aggiunto luce al vostro mondo.

Forse desiderate rivedere il messaggio in cui abbiamo parlato di alcuni dei tanti modi con i quali la vostra società ha generato luce in abbondanza. Sentirsi grati per la miriade di contributi per il miglioramento del vostro mondo genera luce in gran quantità. [Il messaggio in questione è quello del 15 agosto 2013].

Sì , c’è ancora moltissimo da fare e sarà fatto. Lo slancio energetico continua ad aumentare la forza di tutti i pensieri e sentimenti, così ribadiamo la nostra indicazione a non pensare a condizioni d’indigenza con il cuore pesante; visualizzate invece la Terra nel raggio di luce bianco-dorata così che questa immagine ed il vostro desiderio di cambiamenti favorevoli vadano fuori nell’universo e ritornino con luce supplementare. Anche se alcune menti e cuori chiusi stanno cercando di mantenere lo status quo, i cambiamenti verso la pace, la collaborazione ed il necessario per tutti sono saldamente in corso, e più energia di luce essi ricevono, più presto si manifesteranno.

Per favore continuare ad essere selettivi riguardo a tutte le informazioni, compresi gli articoli ed il materiale canalizzato in Internet. I mezzi d’informazione tradizionali sono ancora in gran parte controllati, con l’accento sulle cose negative e scandali; ma è incoraggiante che venga dato sempre più rilievo a storie di gentilezza, condivisione di risorse e sforzi di successo dal basso verso l’alto.

I giornalisti sono tra la maggioranza della popolazione che non ha idea che i membri della nostra famiglia universale impedirebbero le possibilità delle quali si parla, come la Corea del Nord che potrebbe far detonare le testate nucleari e spazzare via vaste aree o che le radiazioni da Fukushima alla fine possono uccidere milioni di persone. Essi non sanno che non è desiderio di Gaia che gli oceani diventino così caldi da far morire tutta la vita marina e far spostare tutte le coste verso l’interno per centinaia di chilometri, così nemmeno questo accadrà. La maggior parte degli abitanti della Terra non sa che le frequenze prevalenti sono favorevoli ai leader nazionali che scelgono di parlare invece di dare battaglia, o che le discussioni economiche e diplomatiche sono in corso dietro le quinte, e molti milioni di anime stanno vivendo quello che hanno scelto per equilibrare altre vite ed evolvere.

Voi sapete questo, amata famiglia, così andate avanti nel corso di questo nuovo anno con il cuore leggero e pensieri positivi e continuate ad espandere la luce nel vostro mondo. Voi SIETE i cambiamenti che volete!

Adesso parlo solo come Matthew. Ho chiesto a mia madre di copiare una risposta al nostro messaggio di dicembre: Il tuo messaggio era bello tranne che per aver tralasciato che la nascita di Gesù è la ragione di queste festività. Penso di essere aperto di mente ed intuitivo, ma quello che hai detto su Gesù che non è stato crocifisso NON è credibile. Come può una persona evoluta come tu dici di essere non sapere qualcosa di così importante?

Chi scrive è una delle molte, molte persone che credono alla storia biblica della crocifissione. Conoscere a livello conscio la verità che voi conoscete a livello spirituale è una parte vitale dell’evoluzione, e restare aggrappati alle credenze basate sulle falsità scoraggia il progresso. Ecco perché ho sentito che potrebbe essere utile dirvi come so che la Bibbia differisce drammaticamente dalla verità. Dio ha detto: “Sì, è tempo”, e così farò.

Sempre ho parlato dalla conoscenza personale come Matteo l’Apostolo – oggi tra le mie vite è quella più conosciuta sulla Terra – e le migliaia di altre vite che hanno avuto inizio quando la potente energia dell’Arcangelo Michele ha manifestato il suo primo personaggio in questo universo. La conoscenza cumulativa di tutti i miei personaggi mi ha permesso di parlare di cose che non conoscevo a livello conscio durante la vita che è conosciuta come quella di Matteo, l’apostolo; tuttavia farò riferimento a quella conoscenza nel parlarvi dei miei anni con Gesù.

Mia madre ha saputo di quella vita fin dalle nostre prime conversazioni, vent’anni fa, e quando mi ha chiesto se ne avrei mai parlato in un messaggio, le ho detto forse, un giorno, ma l’identità dell’apostolo non è importante. Ciò che è importante è che le informazioni che ha ricevuto da me e dagli altri siano rispettate in quanto tali. I lettori dei libri e dei messaggi devono conoscere intuitivamente la verità delle informazioni, ed offrire una guida per aiutarli a sentire, fidarsi, e prestare ascolto alla loro “voce interiore” in tutte le circostanze della vita è una delle ragioni principali per la nostra collaborazione madre e figlio.

Ora poi, molte persone credono che ogni cosa nella Bibbia sia vera perché è stato insegnato loro che si tratta della “parola di Dio”, scritta da individui ispirati da Dio. Non è così. Le innumerevoli parti inesatte della Bibbia comprendono errori nelle traduzioni dei testi aramaico e greco, uno è “bambino in una mangiatoia” – insieme alle alterazioni dei traduttori che corrispondono alle loro convinzioni personali. Quelli sono stati aggravati ulteriormente nelle traduzioni successive; tuttavia, gli scostamenti più gravi dai documenti autentici sono le omissioni e le aggiunte che sono state deliberatamente fatte allo scopo di ingannare.

Parti del Vecchio Testamento provenivano dai primi leader della chiesa e dello stato. Allora gli individui avevano un rapporto più stretto con Dio e per far sì che la popolazione si adeguasse al desiderio di controllo e ricchezza dei leader, essi avevano bisogno di allontanare le persone da Dio. Hanno inventato un Dio temibile, terrificante che diceva ad alcuni che gli altri erano i loro nemici, di andare ad ucciderli; e diceva ad un padre di uccidere il proprio figlio a comprova della sua obbedienza ai Suoi comandi .

Nel corso dei secoli successivi, i vertici nella Chiesa cattolica scrissero le regole religiose e le chiamarono “leggi di Dio”, in modo da consolidare il loro controllo sulle masse ed accumulare fortune sempre più vaste. Per mettere più distanza tra la gente e Dio, aggiunsero uno stuolo di santi, e per esaltare se stessi, istituirono l’infallibilità papale ed istituirono il Vaticano come Stato indipendente. Idearono una concezione immacolata, per cui Maria divenne la madre vergine di Gesù, per convincere le masse che egli è “l’unico figlio di Dio.”

Vi dirò da dove veniva Gesù. L’anima che eoni più tardi si incarnò come Gesù ebbe origine nel regno Cristico, il regno cosmico più vicino al Creatore, dove le prime anime, gli arcangeli, vennero in essere. Ad un certo punto, essi crearono il successivo regno angelico ed i massimi dei e dee. A queste anime fu data la scelta di rimanere come pura essenza energetica di amore-luce del Creatore – questa è stata la scelta dell’Essere Supremo di questo universo che molti chiamano Dio – o di incarnarsi. Una delle anime che optarono per quest’ultima è conosciuta in questo universo come Sananda. Quest’anima ha avuto delle vite nelle civiltà in tutto il cosmo ed è il “genitore”, o più propriamente, l’anima cumulativa della persona che conoscete come Gesù.

Per tornare alla Bibbia, gran parte delle sue informazioni più ingannevoli è attribuita ai quattro apostoli, e ad un certo punto lungo la linea ci è stato dato lo status di santi. Alcuni studiosi pensano che io e Luca abbiamo copiato parti di quello che Marco ha scritto nel suo Vangelo aggiungendole al nostro, ma sono curioso di sapere perché hanno lasciato fuori Giovanni – le ​​palesi menzogne che furono messe nei nostri vangeli sono state messe anche nel suo. Alcune versioni moderne della Bibbia lasciarono cadere la nostra santità; tuttavia, nella vecchia, logora edizione di Re Giacomo di mia madre, il Vangelo è secondo San Matteo, e lei mi accontenterà copiando le parti che le chiedo.

Prima, però, vorrei descrivere Gesù e Maria Maddalena così potete immaginarli mentre ne parlo. Gesù era estroverso, non vivace come Maria, ma sempre di temperamento piacevole. Egli era quello che definirei una figura imponente – più alta della maggioranza degli uomini e snello ma forte e muscoloso, con postura eretta. La sua pelle chiara era abbronzata da anni nel sole e gli occhi grigi a volte avevano una sfumatura di blu; i capelli erano castano chiaro e lunghi, com’era lo stile, ma manteneva barba e baffi accuratamente tagliati. Maria era una gentile giovane donna estremamente carina e piacevolmente aggraziata. Era piccola di statura, con carnagione chiara ed aveva scintillanti occhi marroni ed una cascata di capelli castani.

Entrambi erano nati in famiglie rispettate, di classe superiore, intelligenti, istruiti per i tempi, efurono amici intimi per molti anni prima di sposarsi. Ebbero una grande famiglia felice, e dopo una vita lunga, piena, lasciarono i loro corpi e passarono a vite di servizio a Dio in altri luoghi in questo universo; tuttavia, la forza della loro energia d’amore-luce è sempre con le anime sulla Terra, proprio come altrove .

Ma sto andando troppo avanti ed ancora più avanti del Vangelo di San Matteo. Da ragazzo ho iniziato a tenere un diario degli incontri interessanti e, come i miei appunti prima di incontrare Gesù, mi dovevano poi servire solo come riferimento e piacevole lettura nella mia vecchiaia.

I miei documenti non iniziavano con la discendenza da Abramo a Giuseppe, padre di Gesù, ma dal momento che San Matteo lo fa, parlerò di questo. Parecchi mesi dopo aver incontrato Gesù, mi fu mostrata la genealogia da un uomo che l’ha copiata dall’archivio di qualcuno che l’ha copiata dal documento di qualcun altro e così via e così via. Infilai nel mio diario la lista che ho scritto con la nota che mi era stato detto che la sua accuratezza non poteva essere verificata. Non era una società largamente alfabetizzata, perciò le notizie e le leggende venivano tramandate da una generazione all’altra, ed era comunemente risaputo che spesso i resoconti venivano abbelliti o i dettagli dimenticati dai narratori successivi. Eppure, è diventata “storia” biblica.

Poi in San Matteo viene: “Ora la nascita di Gesù Cristo avvenne in questo modo: quando, quale sua madre, Maria andò in sposa a Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme, si ritrovò incinta dello Spirito Santo . ” …. ” Giuseppe non la conobbe finché ella non ebbe partorito il suo figlio primogenito: ed egli gli diede il nome di Gesù”. Niente di tutto questo era nei miei documenti, e perché dovrebbe? Non ho incontrato Gesù fino a molti anni dopo, e né lui né i suoi genitori mi hanno mai raccontato niente del genere. Tuttavia, è stato attribuito a me e scritto in modo simile negli altri vangeli a comprova della versione della nascita di Gesù della Chiesa Cattolica.

Inoltre, tutti i miei appunti erano su Emmanuel, il nome con cui tutti lo chiamavano. Non so per quale motivo è stato deciso che nella Bibbia il suo nome doveva essere Gesù, ed è strano, o una svista, che anche questo sia stato messo in quel capitolo: “… E gli sarà dato il nome di Emmanuel.” E’ perché voi lo conoscete come Gesù che io ho sempre fatto riferimento a lui con quel nome.

Quelli erano tempi davvero duri, crudeli. L’uccisione di neonati e bambini maschi è vera – tuttavia non l’ho annotata nel mio diario – e così è la fuga della famiglia di Gesù in Egitto ed il ritorno in patria quando è stato sicuro. Poi ho preso nota di quello che mi hanno raccontato sulle loro esperienze, così come di numerosi altri punti salienti della famiglia durante le molte piacevoli serate trascorse con Gesù, i suoi fratelli ed i loro genitori. Spesso c’era anche Maria Maddalena, e le conversazioni erano vivaci. Parlavamo aramaico, passando di tanto in tanto al greco per un’espressione appropriata, e c’erano molte risate perché non sempre parlavamo di cose serie. Gesù ascoltava attentamente chiunque stesse parlando, e molte volte ho visto i suoi occhi brillare quando Maria chiacchierava con entusiasmo di una cosa o di un’altra.

Quale insegnante part-time di studenti elementari ed avanzati – non c’era alcuna parola per tutor allora – l’unico contatto che ebbi con la professione di esattore delle tasse fu quando incontrai Gesù su una strada dove degli uomini erano alacremente impegnati a riscuotere e contare le tabelle. Lo riconobbi in un gruppetto in cui mi imbattei la sera precedente, così lo salutai, mi invitò ad accompagnarlo, lo feci, e parlammo mentre camminavamo. Ecco come ho descritto il nostro incontro, scoprendo nello stesso tempo che entrambi apprezzavamo gli sport acquatici ed avevamo una conoscenza in comune e Gesù mi disse di aver recentemente iniziato a parlare in pubblico. Questo fu il punto nel mio diario in cui iniziarono i miei appunti sulla nostra amicizia, e parlai in prima persona – è stata la mia esperienza.

Tuttavia, secondo San Matteo: “E mentre Gesù passava di là, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco della gabella e gli disse: Seguimi. Ed egli si alzò e lo seguì”. Evidentemente a chiunque abbia cambiato le mie note non venne in mente che la gente avrebbe potuto considerare strano che Matteo avesse scritto in modo così goffo e succinto di un’esperienza così importante e molto strano che il nostro incontro fosse avvenuto dopo il “Sermone sulla Montagna” di cui in precedenza ” io” avevo scritto in San Matteo. Non spiega, tuttavia, perché io sia conosciuto come l’esattore delle tasse che divenne discepolo.

Gesù non ci ha chiamati discepoli. Dopo aver acquisito notorietà per i suoi insegnamenti, qualcuno nel Sinedrio iniziò a riferirsi alle persone che partecipavano ai raduni dove egli parlava come “ai suoi discepoli.” Per quanto riguarda i dodici così chiamati dalla Bibbia, Gesù incontrò ciascuno di noi nei suoi viaggi intorno al Mare di Galilea e si formarono amicizie, ma egli non ha chiesto a nessuno di noi di abbandonare le nostre condizioni di vita e di ” seguirlo”. Ho avuto la gran fortuna di vivere vicino a lui, che mi ha offerto il piacere della sua compagnia molto più spesso rispetto al tempo che gli altri “discepoli ” potevano trascorrere con lui.

Secondo San Matteo: “Gesù mandò avanti questi dodici ed ordinò loro: … “Guarite gli infermi, purificate i lebbrosi, risuscitate i morti, scacciate i demoni.” Questo ci attribuisce capacità che nessuno di noi aveva! Ma noi conoscevamo le abilità di Gesù e come le aveva acquisite, così durante una gita in barca, non avevo alcun motivo di mettere nel mio diario, “noi ci meravigliammo che anche i venti e il mare gli obbedissero!” e non l’ho fatto.

In San Matteo, dopo che Gesù ha incontrato due uomini “posseduti dal demonio”, egli li scacciò e li mise in un branco di suini che “corsero con impeto giù da un ripido pendio verso il mare, e perirono nelle acque . ” …. “Ed ecco, tutta la città uscì per incontrare Gesù: e quando lo videro, lo implorarono di allontanarsi dalle loro coste.” Come Gesù mi raccontò l’accaduto, dopo aver accompagnato verso la luce le entità che tormentavano le menti degli uomini, continuò per la sua strada solitaria fino a quando io e lui ci incontrammo, ed è così che scrissi il mio resoconto.

La versione del vangelo di Gesù che trascorre quaranta giorni nel deserto, dove si rifiutò di essere tentato dal diavolo, è una elaborazione terrificante della breve nota nel mio diario: Gesù amava passare del tempo in solitudine con la Natura, dove egli poteva parlare con Dio o meditare senza distrazioni e, come gli altri che lo conoscevano bene, ho onorato questo tenendomi a distanza.

Quello che è conosciuto come il “sermone della montagna ” è stata la compilazione da parte di qualcuno dei miei copiosi appunti alle numerose piccole riunioni dove Gesù aveva parlato, la gente aveva posto domande e lui aveva risposto – c’era molta interazione all’inizio. Ma, quando si diffuse la voce dei suoi insegnamenti e la folla crebbe, la gente ascoltava senza interrompere ed egli parlava di molte delle cose che sono diventate il “sermone.” Non l’ho chiamato io così. Gesù non era un predicatore, era un insegnante che aveva la passione di condividere la sua conoscenza. Sapeva che questo era ciò che doveva fare, e questa è stata la grande differenza tra lui e chiunque altro – la sua mente conscia era sempre connessa con la sua anima ed egli viveva di conseguenza.

Il sermone conserva gran parte della sua saggezza ed illuminazione, e naturalmente io mi sento gratificato per questo, ma non comprende alcuni dei suoi importanti insegnamenti annotati nel mio diario, come lo scopo delle vite multiple; l’inseparabilità di tutte le anime; Dio è tutto ciò che esiste nel mondo – tutte le persone, gli animali, le piante, le acque, l’aria e la terra sono parti di Lui e sono sacri per Lui. Gesù non prendeva appunti dei suoi insegnamenti ed era contento che lo facessi io.

Ma tutto ciò che nei miei diari poteva minare l’autorità dei leader corrotti fu lasciato fuori dal vangelo di San Matteo e la maggior parte di ciò che è in quel vangelo non proveniva dai miei diari. Non ho mai sentito Gesù dire che qualcuno ” … rischia il fuoco dell’inferno ” o ” … chiunque sposi una divorziata commette adulterio”. Ha parlato di come i pensieri e gli atti divini beneficiano la vita, non di comportamento “vergognoso ” – questo sarebbe stato un giudizio, contrario a quello che diceva alla gente : “Non giudicate, così da non essere giudicati.” Non l’ho mai sentito parlare di peccati da perdonare – disse che “peccato ” era un errore nei valori o azioni e parlò agli ascoltatori molte volte dell’importanza del perdonare gli altri. Egli non avrebbe detto: “Non pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra: non sono venuto a portare la pace, ma una spada ” – che era in contrasto con tutti i suoi insegnamenti.

Nelle “parabole” è come se Gesù stesse parlando con rabbia – mai durante le molte volte che ero presente ai raduni, grandi o piccoli, l’ha fatto. E, a differenza delle parabole, egli parlava senza mezzi termini e chiaramente così che gli ascoltatori capissero – egli voleva illuminare non confondere. E’ una fortuna – o più probabilmente l’inconsapevolezza di ciò che voleva dire – che coloro che così drasticamente cambiarono i miei appunti lasciarono “Voi siete la luce del mondo”, “Lasciate risplendere la vostra luce …” e molti dei suoi altri riferimenti alla luce.

Menzionare tutte le incongruenze tra i miei appunti e San Matteo richiederebbe i miei commenti su tutto quel vangelo, ma le aggiunte più critiche sono “l’ultima cena” e la crocifissione e resurrezione di Gesù. E’ possibile che la cena possa essere derivata dai miei appunti su una delle rare volte in cui Gesù e tutti noi dodici eravamo nello stesso posto ed abbiamo avuto una splendida cena di festeggiamento. E’ stato dopo che lui e Maria Maddalena si erano sposati ed anche lei era lì, ma è stato molti mesi prima che avvenisse la supposta crocifissione. Gesù non fece il servizio conosciuto come “comunione”, né disse: “In verità vi dico, uno di voi mi tradirà”, e tutto da quel punto in poi in San Matteo è anche una falsità inventata.

Mesi dopo presi nota di quello che sentii dire a due uomini che discutevano nei pressi del tempio: il Sinedrio pensava che crocifiggere Gesù avrebbe fatto di lui un martire e avrebbe dato impulso ai suoi insegnamenti, così decisero di farlo flagellare ed espellerlo dal paese – questo lo avrebbe screditato agli occhi della gente e presto lo avrebbero dimenticato.

Quando lo riferii a Gesù, egli disse che non poteva evitare di essere picchiato e scacciato – come annotai nel mio diario, pensai che egli sentiva che era importante lasciarlo succedere. Lo ha fatto, e poco dopo, lui e Maria Maddalena partirono per l’Estremo Oriente, dove sapeva che sarebbero stati ben accolti. In molti dei nostri primi colloqui mi aveva raccontato dei suoi anni giovanili lì, dove imparò dai maestri a fare quelli che la Bibbia chiama “miracoli”, ma come Gesù disse alle folle, tutto ciò che egli poteva fare, anch’essi potevano farlo.

Nel corso degli anni ci tenemmo in contatto con lettere occasionali e quando ne arrivava una da lui, la nascondevo nel mio diario – alla fine ce n’erano dozzine. Trovare nuovi studenti richiedeva che mi spostassi di volta in volta, e questo mi offriva ampie opportunità di incontrare persone che avevano sentito che conoscevo Gesù e volevano sentir parlare dei suoi insegnamenti. Occasionalmente vidi Luca, che a volte aveva notizie di uno o l’altro degli altri “discepoli”, ma il nostro legame comune era Gesù, e dopo che se ne andò, era naturale che tutti noi continuassimo per strade separate.

Dopo la mia morte, in età avanzata, l’albergatore vendette la cassa in cui tenevo i miei diari. Alla fine caddero nelle mani di qualcuno nel governo e, prima di venire bruciati, portarono al Vangelo secondo Matteo.

In nessun modo quello che vi ho detto diminuisce di una virgola il potere di Gesù o dei suoi accurati, precisi insegnamenti! La verità della sua vita – egli aveva moglie e figli, ed aveva desideri, idee, speranze, amici, opposizione, delusioni, dolori e tempi gioiosi come le altre persone – onora i suoi insegnamenti molto di più della falsa pretesa della religione che egli era “l’unico figlio di Dio”.

Né tutto ciò che ho detto significa che le persone che credono che la Bibbia sia la parola di Dio sono meno buone di cuore – sono soltanto disinformate. Ogni anima ha il proprio cammino verso la luce della verità e non c’è limite di tempo – la vita dell’anima è eterna. Se le persone che amate teneramente non sono sul vostro stesso sentiero, fiduciosamente continuate sul vostro e rispettate il loro diritto divino a scegliere il loro.

Ed ora , amata famiglia della Terra, io parlo ancora a nome di tutti noi in questa stazione. In ogni momento, vi siamo accanto in spirito ed amore incondizionato.

Amore e Pace,

Matthew & Suzanne Ward

http://www.matthewbooks.com

Per scrivere a Suzanne Ward: suzy@matthewbooks.com

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: